Di Matteo e don Ciotti a Modena – 2 marzo 2015

di Redazione Gazzetta di Modena – 21 febbraio 2015

Non si è ancora spento il clamore dell’Operazione Aemilia della Dda di Bologna che ha portato alla scoperta di una vasta organizzazione di stampo ndranghetista tra le province di Modena, Reggio, Parma, Mantova e Cremona.

Mentre avviene tutto questo, il Comune di Modena sta mettendo a punto il programma per la consegna della cittadinanza onoraria al magistrato palermitano Nino Di Matteo il 2 e 3 marzo prossimi.

Antonino Di Matteo, magistrato dal 1991, è stato sostituto procuratore alla Dda di Caltanissetta fino al 1999 per diventare poi pubblico ministero alla Dda di Palermo. Ha indagato sulle uccisioni dei magistrati Rocco Chinnici, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e delle loro scorte. È stato pubblico ministero in numerosi processi a carico di centinaia di mafiosi e si è occupato di molti casi sui rapporti tra mafia, politica e istituzioni. In questo periodo è impegnato nei processi inerenti la “trattativa” tra mafia e Stato.

È recente la notizia che già nel 2012 la mafia aveva progettato un attentato contro di lui. Molti lo ritengono il “magistrato più a rischio d’Italia”. Qualche tempo fa avevano sollevato inquietudine e preoccupazioni le parole “rubate” a Totò Riina che parlando in carcere con un altro detenuto lanciava oscuri messaggi di morte verso Di Matteo.

Secondo quanto si apprende Nino Di Matteo, sarà a Modena tra il 2 e il 3 marzo insieme al fondatore di Libera don Luigi Ciotti. Il magistrato palermitano dovrebbe ricevere la cittadinanza onoraria nel corso di una seduta straordinaria del consiglio comunale di Modena lunedì 2 marzo alle 17, mentre in serata è prevista un’iniziativa pubblica, aperta alla città, al Forum Monzani dove sarà accompagnato da don Ciotti.

Anche il giorno successivo, mercoledì 3 marzo, Di Matteo sarà a Modena per incontrare gli studenti del Polo Leonardo sempre accompagnato dal presidente di Libera. Per Di Matteo questo sarà l’ultimo appuntamento in città prima di rientrare a Palermo. Don Luigi Ciotti rimarrà invece nel modenese e tra pomeriggio e sera del 3 marzo sarà a Sorbara di Bomporto e poi a Nonantola, mentre mercoledì 4 marzo, la mattina, incontrerà gli studenti di Vignola.

Redazione Gazzetta di Modena


Lascia un commento